Ci presentiamo


trovaci su Google maps: clicca qui!

Lo schizzo primitivo che è contenuto negli atti delle visite pastorali della diocesi di Milano conservati presso la Biblioteca Ambrosiana nel volume "Bedero - 1 - 1547 - 1575" raffigura il territorio della pieve facente capo, dal 1137, appunto a Bedero. Risale agli anni 1570. E' questa la raffigurazione più antica della zona, sinora nota, e delinea i confini della pieve nella seconda metà del cinquecento.


La parrocchia di DOMO è di antichissime origini e viene fatta risalire al IV - V secolo.

La parrocchia di PORTO è stata costituita da s. Carlo Borromeo nel 1574.

La loro storia è ampiamente illustrata nel sito.

Appartiene alla Diocesi di Milano, zona Pastorale di Varese, Decanato di Luino. Osserva il Rito Ambrosiano.

L'Unità Pastorale S. Maria Assunta è nata nel 1997 a seguito della Visita Pastorale del Card. Carlo Maria Martini, dall'unione di due parrocchie, entrambe dedicate alla Madonna Assunta, quella di PORTO VALTRAVAGLIA e quella di DOMO. L'Unità Pastorale non ha riconoscimento giuridico, perchè sono state mantenute le due parrocchie distinte, ma vive un comune percorso pastorale.

La nostra comunità comprende principalmente il capoluogo del Comune di Porto Valtravaglia (a ca. 30 km. da Varese, sulla sponda lombarda del Lago Maggiore, a ca. 20 km. da Lugano) e le sue frazioni: Domo, Musadino, Ligurno, Torre e San Michele (le frazioni di Muceno e di Ticinallo appartengono alla Parrocchia di S. Vittore - Brezzo di Bedero).

Inoltre aggrega le frazioni di Sarigo e Saltirana del vicino Comune di Castelveccana.

Entrambi i comuni appartengono al territorio della Comunità Montana Valli del Verbano.

 

Dal settembre 2018 la realtà pastorale Porto - Domo si è ampliata con la partecipazione di Castelveccana e Nasca. Attualmente si contano ca. 1.500 famiglie cui si aggiungono altrettante di turisti e villeggianti che qui hanno la loro abitazione.

La parrocchia di SAN PIETRO (anticamente di Castello, ora Castelveccana) è stata costituita da s. Carlo Borromeo, staccandola a quella di Porto. La sua chiesa ha origini antichissime (è citata nel 1225), poi ricostruita nel XVI secolo nelle sue forme attuali.

La parrocchia di NASCA ha pure origini antiche e la sua chiesa è documentata nel 1523.